L’evoluzione è un processo inevitabile, tutto l’Universo è in continua espansione.
Anche noi siamo in continua evoluzione, e se resistiamo a questo cambiamento blocchiamo il flusso, e noi stessi smettiamo di fluire. Come luci a intermittenza, ci colleghiamo e scolleghiamo dal nostro Sé Superiore, ci addormentiamo e ci risvegliamo, poi ci riaddormentiamo. Abbiamo continuamente bisogno di impulsi esterni che ci risveglino, che ci indichino la via da percorrere. Quanto più ci scolleghiamo dal Sé Superiore quanto più cadiamo nell’oblio e nella perdita di memoria, e quanto più abbiamo bisogno di conferme dall’esterno, e nel “peggiore” dei casi abbiamo bisogno di dipendere. Il Sé Superiore non è altro che la nostra Coscienza Pura ed è, per natura, direttamente collegata al resto dell’esistenza. E’il pensiero dell’Uno. In questo momento l’essere umano sta vivendo la scissione della Coscienza, la dualità e la divisione. Chi desidera intraprendere il cammino del risveglio si troverà presto ad avere a che fare con dinamiche mentali da trasformare e che creano ogni sorta di problemi e conflitti. Se non le trasformiamo resteremo dove siamo avendo solo l’illusione di fare un cammino spirituale.

Cos’è il cammino spirituale? E’ un cammino arduo fatto per “Guerrieri della Luce” perché non c’è solo da camminare, ma c’è da trasformare, perdonare, nascere e morire molte volte anche in una stessa vita. E’ una scelta, una priorità.

L’essere umano vede una cosa e dice: “Voglio essere come quella cosa, come si fa a diventare così?” Tu provi a spiegarlo e dopo 30 secondi che parli, massimo un minuto, nella mente dell’altro si sovrappongono immagini e attaccamenti: “ Cioè io dovrei trasformarmi e cambiare abitudini per diventare così? Nooooo seeeee ma a me piace quello che faccio e poi non ho tempo!!” E mentre lo dice il conflitto si crea nella sua mente. “Amo la Luce ma non amo il cammino per raggiungerla”. Abbiamo mai realmente pensato cosa vuol dire “non ho tempo”!?

E’ semplice, non è la nostra priorità. Non è vero che manca il tempo, è che lo stiamo investendo in altre cose che per noi sono priorità.

“Amo la luce ma non amo i compromessi che devo fare per raggiungerla, non ce la faccio. Perché? Perché ancora non è la tua priorità!”

Queste sono alcune delle molte dinamiche mentali da trasformare per ritornare a splendere come Anime Lucenti, per essere connessi.

La vita si costruisce su priorità che noi mettiamo. Noi siamo dove vogliamo essere!
Cambiando le nostre priorità cambiamo la nostra realtà!

Poi ci lamentiamo, ma l’abbiamo scelto, e lo continuiamo a scegliere, e se ce lo portano via, lottiamo per riaverlo (In alcuni casi, ma per fortuna non in tutti; diciamo c’è anche chi impara la lezione). Coscientemente o incoscientemente noi siamo i creatori della nostra realtà.
E’ per questo che spesso riviviamo le stesse situazioni, non abbiamo cambiato le dinamiche mentali che ci portano a manifestare ed attrarre una certa realtà. Senza che ce ne accorgiamo, col passare del tempo, le dinamiche mentali creano delle abitudini, e sono quelle che facciamo fatica a trasformare. Una volta un maestro dette questa definizione alla mente: “La mente è come la plastilina, con lei puoi creare quello che vuoi, puoi cambiarle di forma ogni volta che vuoi, dove la metti lei sta.”
Oggi si parla molto di pensiero positivo, potere del pensiero, tu crei la tua realtà, cambia pensiero e cambierai il tuo intorno, ecc.

Nei testi Vedici se ne parla da millenni e millenni, quindi non è nessuna scoperta nuova, “nulla di nuovo c’è sotto il sole”. La conoscenza è eterna e sempre presente, di Patrimonio Universale e quando siamo pronti lei appare per poter essere compresa. Quando il flusso mentale si accosta ad una certa frequenza qualcosa si manifesta all’esterno e ne possiamo fare esperienza a livello manifesto. Questa legge vale per i circoli negativi, positivi e trascendentali ( pura informazione ).

E’ vero il nostro pensiero può cambiare la realtà, come pensi e desideri così diventi, dicono le Upanishad. I nostri pensieri e desideri sono il campo fertile per i semi “delle realtà future”. Chi sa vedere in quei semi viene chiamato veggente, e la storia che nascerà da un seme viene chiamato DESTINO. Il Destino non è altro che il dispiegarsi della vita che è dentro il seme che abbiamo Co-creato nella nostra Mente, in un determinato momento. Alcuni semi si aprono in questa vita…..altri nella prossima. Per questo spesso non vediamo la realtà che desideriamo nell’imminente. “Aah ma io ho desiderato quella cosa ma non è avvenuta! Io sono povero e vorrei essere ricco, ma se non lavoro non mangio!” Ma sei sicuro che lo vuoi davvero? Sei disposto a cambiare nel bene o nel male per ottenere ciò che vuoi? Quel desiderio ha davvero valore? Dobbiamo scegliere con cura i nostri desideri da realizzare. Tutto è possibile.

Il viaggio della comprensione è una propria e vera Alchimia e inizia dentro noi stessi, non dobbiamo però frustrarci e scoraggiarsi ogni volta che cadiamo o sbagliamo, o non vediamo, tutto è necessario alla nostra crescita. Spesso, il dolore è uno dei più significativi maestri.
Queste parole le condivido con te che stai leggendo.

Molti libri sono stati scritti, il mondo è pieno di Guru e guide, tutti sono maestri di Yoga e ad ogni angolo trovate un corso Olistico, e tutti dovrebbero avere il fine di aiutarti a capire te stesso e indicarti la via verso la profonda connessione. Ma tu, mentre segui queste vie, ti stai trasformando? L’invidia dal cuore sta scomparendo? L’amore e il servizio sta crescendo? La paura si sta trasformando in sicurezza? Più segui dei gruppi spirituali e più senti che stai diventando forte e indipendente o stai creando dipendenza? Ti stai riempiendo di conoscenza? Hai smesso di competere e aver paura che qualcuno sia meglio di te? Sei entrato nel pensiero dell’Uno o ancora stai credendo che la tua Credenza valga più di un’altra? Ma soprattutto hai compreso ciò che stai cercando? E mentre lo cerchi sei felice?

Quando la tua mente entra nel silenzio profondo puoi sentire la voce della tua anima che sussurra l’amore che hai dentro. Coltiva dentro di te il giardino Divino che eternamente ti accompagna, nel centro ci sei “Tu”, e ti sta aspettando.

Ti lascio a questa meditazione silenziosa.

Ti auguro di poter procedere nella via del Cuore a piccoli e sicuri passi giorno per giorno! Se riusciamo ad amare questa Alchimia presto torneremo all’Amore!

Un felice 2017!

Radha Rajani d.d Dicembre 2016

Pin It on Pinterest

Share This