Yoga (English)


As we understand who we are, where we come from, and what we are moving towards, Yoga illuminates our minds and hearts with light, transformation, union, and love.

Any student who studies with sincerity and humility rediscovers within himself and in the world at large, the existence of an Original Consciousness, a point beyond time and space, a dialogue beyond words, which gives the heart and mind the answers that each individual has been looking for.

Since antiquity, sages and scientists belonging to the greatest traditions on the planet have reported their versions and treatises that have helped human beings in search of spirit and matter. From east to west, reality has been described with a variety of words and metaphors that can fool the mind. However, true intelligence is able to decode the message that lie behind them. In truth, there is a single-faceted reality that every individual can contemplate on and study from his own level of consciousness, in which differences and similarities find a common point in the deep feeling of being.

The reality is one and it can be known through various routes.

Ancient Eastern philosophical scriptures (Samkhya) explain the presence of spirit and matter (Prakriti and Purusha), what is it like when they meet, their relationship to each other and how they are separate.
It’s on the basis of this knowledge that the most relevant schools and philosophical lines find their structure, likewise so does part of science.

The path of Yoga is perhaps one of the oldest of these schools. The word Yoga literally means union or communion.

In the sacred text of the Bhagavat-Gita, which dates back around 5000 years ago, mentions, along with other disciplines, “Ashtanga Yoga.” “Ashta” in Sanskrit means eight and “anga” means parts or components. There are eight components to achieve the goal of yoga, which is the union of the self to the higher self, man to the Cosmos, or in religious terms, man to God. Patanjali’s Sutras explain exactly how to undertake the journey and how to carry it out.

In the course of time, especially in the West, Yoga has been reduced almost exclusively to a physical practice, performing postures that make the body more flexible and that open its energy meridians. Countless ways of doing asanas and several classifications with different names have been developed under these principles.

However, Yoga is one and it allows for the transformation of the mental structures that block us from recognizing who we really are. Patanjali in his second sutra defines it:

“ yoga- citta -vritti –nirodha”

With this transformation we can see reality beyond appearances. It’s a journey back to the roots and occurs when you truly, sincerely desire it. Nobody forces us to meditate; or to understand the world in which we live, the body in which we reside, the ideas of freedom and imprisonment, love and hate, and so on. Man is his desire, he becomes what he wants (Upanishads).

So in addition to the physical practice there are other things to consider, such as adopting a vegetarian diet, not to harming others (ahimsa). Violence is a major obstacle, and we do not mean only the physical but also the subtle, such as hurting someone with words.

So Yoga is not limited to physical work, but also refers to the psychic and emotional ones. Opening our hearts to the Universe or God, we activate a deeper consciousness that helps us clean up the toxic character and emotions that do not enable us to live happily.

False ego, lack of humility, envy, and so on, are aspects that must transform if we really wish light into our lives, allowing us to become responsible human beings that care not just for ourselves but also those around us and the planet at large.

For this reason Yoga was practiced in ancient times and was handed down up to the present because it is a method that works, yesterday, today and tomorrow. In this dual dimension we can only choose to be in balance or imbalance with the governing laws. Yoga is the key for the transition of consciousness from one dimension to another, if practiced in its entirety.

After acquiring the first levels of the discipline, we are ready for the next stages such as absorbing the senses within ourselves, focusing the mind and meditating.

If the mind is not able to concentrate, meditation is not to possible. To promote it, the sages, especially in India, used holy forms, which inspired empathy and reminded practitioners of the inner and outer deity; or the presence of a spiritual master, or the recitation of sacred mantras and names that refer to God, calling His power and presence in the heart in order to contemplate and blend with Him. There are two main ways of perceiving the deity from this earthly level: One is perceived as the Universal Energy, the cause of all Causes, Brahman, what pervades everything and every being, silence over the world, Supreme Ecstasy in which we merge and become.

The other is perceived as the Supreme Personality of the Worlds, the Father-Mother of all what exists, He or She to whom resemble, the Friend of the heart to dialogue and play with and return to eternally in a pure loving relationship (Prema-Bhakti), remaining one in the feeling but being two to be able to give and receive it. (The soul and the Supreme Soul, Atma and Paramatma).

These two perceptions of Reality are both correct (in Sanskrit, it is called “Tattva,” the Truth) and both lead to the same place. Acintya bheda abheda tattva: simultaneous oneness and difference.
The mantras or Divine Names in their sound form lead the meditator in the deepest spheres of consciousness if recited with care and devotion.

There is a metaphysical space at the center of our body, where the soul resides, made of knowledge, eternity and happiness (Sat-Cid-Ananda). Mystics defined it as Body of Light (Sva-Rupa), where our true identity lies. Every being has a unique and unrepeatable matrix, so that everyone is united to the Divinity by an exclusive and original relationship of love.

The way of Yoga it’s not only about the spirit matter but it consider the situation in a large way: as we grow in spirituality we have to grow as human being responsible of ourselves, of the planet where we live and taking care and serve others living entity. Every aspect is included in the science of Yoga.

Yoga (Italiano)


La comprensione di chi siamo, da dove veniamo, e verso cosa ci dirigiamo ha da sempre portato nelle menti e nei cuori dell’uomo, luce,trasformazione, unione e amore .

Chi si è trovato a trattare questi temi con sincerità ed umiltà ha riscoperto, in sé e nell’esistenza stessa, quello stato di Coscienza Originale che dona al cuore e alla mente quelle risposte che ogni individuo sta cercando.

In vari modi, grandi saggi e scienziati appartenenti alle più grandi tradizioni spirituali presenti sul pianeta, hanno riportato versioni e trattati che hanno aiutato l’essere umano nella ricerca dello spirito e della materia. Dall’oriente all’occidente la realtà è stata descritta con varietà di parole e metafore capaci, però, di imbrogliare la mente. E’ con l’intelligenza che si decodifica il messaggio celato dietro di esse. Un’unica realtà multiforme che ogni individuo può contemplare e studiare dal proprio livello coscienziale, in cui le differenze e le similitudini trovano un punto comune nel sentire profondo dell’essere. La realtà è una sola e la si può conoscere attraverso varie vie.

Negli antichissimi trattati della filosofia orientale ( Samkhya) si spiega la presenza dello spirito e della materia ( Prakriti e Purusha), come vengono in contatto, qual è la relazione tra loro e in che modo si separano. Sulla base di questo sapere si sono strutturate le più rilevanti scuole e linee filosofiche insieme alla scienza, in parte. La via dello Yoga rientra in una di queste scuole e forse una delle più antiche. La parola Yoga significa letteralmente unione o comunione.

Nel testo sacro “Bhagavat-Gita”, risalente a più di 5000 anni fa, viene citato insieme ad altre discipline, l’ “Ashtanga yoga”. “Ashta” in sanscrito significa otto e “anga” parti o componenti.

Significa che servono otto componenti per raggiungere il fine dello Yoga, cioè l’unione del sé al Sé Superiore, l’uomo al Cosmo, o in termini religiosi, l’uomo a Dio.

Gli Yoga- Sutra di Patanjali spiegano con esattezza come intraprendere il cammino e come portarlo a termine.
Nel corso del tempo, soprattutto in occidente, per molti lo Yoga si è ridotto quasi esclusivamente ad una pratica fisica: assumere posture (asana) che aumentano la flessibilità e curano molti disturbi favorendo la concentrazione della mente e il rilassamento.

Si sono così creati vari metodi per praticare le asana classificandoli con nomi diversi. In realtà lo Yoga è uno e permette la trasformazione di quelle strutture mentali che non ci lasciano vivere ciò che realmente siamo. Patanjali nel suo secondo sutra afferma: “yoga-citta-vrittinirodha”.

Lo yoga è la trasformazione dei contenuti psichici del campo mentale. Quando avviene questa trasformazione possiamo vedere la Realtà oltre le apparenze di quel mondo collegato alle percezioni sensoriali.E’ un cammino di ritorno alle origini, e lo si fa solo ed esclusivamente se lo si desidera.

Nessuno ci obbliga a meditare, a comprendere come funziona il mondo in cui viviamo, il corpo che abitiamo, la libertà o la prigionia, l’odio o l’amore, e così via; l’uomo non è che desiderio, come desidera così diventa. (Upanisad).

Quindi oltre la pratica fisica ci sono altre cose da considerare, come per esempio non danneggiare gli altri, ahimsa.

La violenza è un grande ostacolo, e non s’intende solo quella fisica ma anche quella sottile, come ferire qualcuno con le parole.

Quindi lo yoga non si ferma solo ad un lavoro fisico, ma anche psichico ed emozionale. Quando apriamo il cuore all’Universo o a Dio, attiviamo una coscienza più profonda che ci aiuta nella bonifica del carattere ed emozioni tossiche che non ci fanno vivere felicemente. L’ego falso, la mancanza di umiltà, l’invidia, e così via, sono aspetti da trasformare se realmente desideriamo luce nelle nostre vite e diventare esseri umani responsabili di noi stessi, di chi ci sta vicino e del pianeta.

E’ per questo che si praticava lo Yoga nell’antichità, ed è stato trasmesso fino ad oggi perché è un metodo che funziona: ieri, oggi e domani. Nella dimensione duale in cui viviamo ci è permesso stare nell’equilibrio delle leggi che lo governano (dharma) o stare nel disequilibrio (adharma).

La disciplina Yogica serve a fare un passaggio coscienziale da una dimensione all’altra se lo si pratica nella sua completezza.

Acquisiti i primi livelli della disciplina ci si può preparare per i livelli successivi, come assorbire i sensi all’interno di sé, concentrare la mente e meditare.
Se la mente non è concentrata non si può meditare. Ci sono metodi che favoriscono la concentrazione come l’utilizzo di figure Sacre, che suscitano empatia nel praticante e ricordano la Divinità interna ed esterna. Oppure la figura di un guru o il proprio maestro spirituale, così anche la recitazione di mantra o nomi Sacri che si rivolgono alla Divinità.

Questa energia e presenza discende nel cuore del praticante offrendo esperienze di contemplazione e unione.
Ci sono due principali modi di percepire la Divinità dal nostro livello terrestre:Uno come Energia Universale, la causa di ogni causa, ciò che pervade ogni cosa e ogni essere, che è il silenzio oltre il mondo, l’Estasi Suprema nella quale fondersi.

L’altro come La Persona Suprema di tutti mondi,
il Padre-Madre di tutto ciò che esiste, Colui o Colei al quale somigliamo, l’Amico nel cuore con il quale dialogare, giocare, e tornare a Lui eternamente in una relazione d’Amore puro, (Prema-Bhakti), restando Uno nel sentire ed essendo due per poterlo dare e ricevere. ( l’anima e l’Anima Suprema, Atma e Paramatma).

Queste due visioni della Realtà sono corrette entrambe (in sanscrito prendono il nome di Tattva, Verità) e sono due vie che conducono allo stesso luogo.

I mantra o nomi Sacri nella loro forma sonora portano il meditante nelle sfere più profonde della coscienza se recitati con attenzione e devozione.

C’è uno spazio metafisico al centro del nostro corpo dove risiede l’anima che è fatta di conoscenza, eternità e felicità ( Sac-Cid-Ananda) definito dai mistici Corpo di Luce (Sva-Rupa), dove risiede la nostra vera identità.

Ogni essere porta in sé una matrice unica e irripetibile, ed è unito alla Divinità da una relazione d’Amore esclusiva da ricordare e rivivere.

SIGN UP FOR MY NEWSLETTER

Pin It on Pinterest

Share This